Campo di Castro

In questi ultimi anni il mondo del lavoro è cambiato, i processi di trasformazione economica che hanno interessato tutti i Paesi industrializzati, infatti, hanno ridisegnato l’organizzazione del lavoro, il contenuto ed il ruolo che esso svolge nella costruzione dell’identità individuale e sociale delle persone.

 
 
Oggi il lavoro ha perso i caratteri della stabilità, della continuità che caratterizzavano i contratti di lavoro di un tempo acquisendo la connotazione di “lavoro atipico”.
Esso ormai rappresenta uno degli elementi caratterizzanti della società contemporanea.
Questa rivoluzione sta avendo importanti ripercussioni sull’atteggiamento delle persone rispetto al mercato del lavoro, giacché la flessibilità e il nuovo contesto socio-economico spinge ciascuno ad inventare un proprio “itinerario” di vita e di lavoro, nel quale non basta più solo saper esercitare un mestiere, ma occorre saper fronteggiare l’intervento di diverse variabili.
Questa novità comporta importanti conseguenze poiché se da un lato ciò potrebbe favorire la valorizzazione delle potenzialità professionali del lavoratore, dall’altro la flessibilizzazione del lavoro comporta l’indebolimento delle misure a tutela della stabilità ed il rischio dello sconfinamento nel precariato.
Nostro intento è indagare e capire quali siano le prospettive per le giovani generazioni alle prese con un sistema in continua trasformazione.
 
Campo di Calopezzati:
 
Campo tecnico di formazione sulla progettazione sociale ed il found raising.
L’obiettivo del Campo è quello di fornire ai nostri dirigenti territoriali, grazie alla collaborazione con la funzione progettazione e innovazione sociale dele acli, le conoscenze tecniche per arrivare alla costruzione di un progetto.
Potranno essere reperita ulteriori informazioni sul nostro sito internet: www.giovanidelleacli.it
I contatti per inviare le iscrizioni sono i seguenti:
Tel.065840654
Fax:065840306
Mail:emmanuela.patrono@acli.it