Il lavoro a regola d’arte

Ci stanno a cuore! Bari, Castellaneta e Foggia insieme per la Giornata del Lavoro

Lunedì 3 maggio si è svolta la serata organizzata dalle Animatrici di Comunità del secondo anno di mandato delle diocesi pugliesi, che hanno voluto dedicare un appuntamento alquanto alternativo sulle pagine facebook delle Diocesi di Foggia-Bovino, Castellaneta e Bari-Bitonto, al mondo del lavoro.

Accorciando nettamente le distanze fisiche con l’evento “E al popolo stava a cuore il lavoro. Il lavoro a regola d’arte”, hanno voluto dare giusto valore al lavoro come realizzazione dei sogni di ognuno di noi, luogo di incontro con l’uomo e il creato, fonte di ispirazione, finestra sul mondo, occasione di gioia.

Quest’anno, in cui la mancanza del lavoro è una piaga per molte più famiglie rispetto agli anni precedenti, il desiderio di vedere ancora occhi brillare e sentire cuori sperare che nulla torni come prima, ma migliore di prima. Grandi ospiti, ma soprattutto dal cuore grande e umile, hanno dato testimonianza vera di un lavoro che nonostante sia faticoso, porti gioia e pienezza nella vita; la semplicità di Andrea Delogu conduttrice e attrice, don Roberto Fiscer sacerdote e conduttore radiofonico, Dario Reda docente precario di scienze motorie, Giuseppe Savino imprenditore agricolo fondatore della start up Vazapp e non ultima Elena Martelli cantante e vocal coach che ci ha fatto riassaporare lo “stare in piazza” come al consueto concertone del Primo Maggio, ma con più consapevolezza nel cuore.

Le frasi di don Mario Operti hanno scandito la serata accompagnandoci alla riscoperta di un lavoro che guardi più il valore della persona, che dia voce a chi non ha più voce, che sia solidale e sociale, che non guardi al profitto, ma che sia fecondo generando relazioni tra gli uomini e tra l’uomo e il creato senza danneggiarlo. Una vera sfida ai giorni nostri a cui tutti siamo chiamati responsabilmente per riportare alla luce i nostri sogni, con la certezza che non siamo soli e che tutti e tutto è connesso.

Federica Saurino, Antonella Brescia, Debora Cisternino