Formazione Nazionale. La sessione della mattina, nel pomeriggio le conclusioni del 37° Corso

La Lectio del mattino a cura di don Sergio Siracusano, direttore dell’Ufficio regionale CESi per i Problemi sociali e il Lavoro, ha introdotto i lavori della quarta giornata del 37° Corso di Formazione Nazionale del Progetto Policoro in modalità e-learning. Come spiegato dallo stesso don Sergio, la scelta del brano evangelico per questo sabato 16 maggio è ricaduta sul vangelo del giorno di Giovanni (15, 18-21): “una Parola forte, in cui si parla di odio e persecuzione, ma che Dio ci affida e ci invita a comprendere nella sua complessità”.

La Lectio dal titolo “Voi non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo” ha ripreso il ruolo dei discepoli missionari nel mondo: come loro “anche noi siamo chiamati a vivere la nostra missione e a non ‘mondanizzarci’ – ha ricordato don Sergio – comprendiamo il duplice significato della parola mondo, che rappresenta allo stesso tempo sia l’insieme degli uomini che Dio ha voluto salvare attraverso suo figlio Gesù, sia l’insieme di quelle forze ostili che si oppongono a Dio e al suo disegno”.

Il ricordo di don Mario Operti e del Convegno ecclesiale di Palermo del 1995, dalle cui riflessioni nacque il Progetto Policoro inteso come nuova “espressione della nuova missionarietà della Chiesa Italiana”, hanno accompagnato le parole rivolte da don Sergio agli animatori di comunità collegati, affinché non si sentano mai “profeti di sventura”, ma diano la testimonianza del mondo come discepoli consapevoli che “non saranno tanto le parole e le azioni a fare qualcosa di particolare, ma l’opera di rivelazione che Cristo compie attraverso il cuore delle persone”.

Le attività riprenderanno nel primo pomeriggio con la chiusura dei laboratori nelle singole aule, a cui seguirà un momento di plenaria con i docenti della Scuola di Economia Civile e l’intervento di Marco Menni, Presidente Ineecoop. Le conclusioni, previste per le 19.15, saranno affidate a don Bruno Bignami, Direttore Ufficio nazionale per i problemi sociali e lavoro della CEI.