Cos’è il Microcredito

Il “microcredito”: strumento a servizio del Progetto Policoro

L’idea di creare un servizio specifico, che si occupasse di approfondire lo strumento “microcredito”, come opportunità di formazione e di sostegno dei giovani che il Progetto accompagna nelle diocesi aderenti, è nata nel 2008, a seguito delle esperienze positive già sviluppate in alcune diocesi (Andria, Nicosia, Caltanissetta, ecc.).

Nell’ambito dell’attività di orientamento e accompagnamento, svolta dalle équipe diocesane del Progetto Policoro, ci si è resi conto che, per un giovane alla prima esperienza lavorativa e senza garanzie, è sempre più difficile ottenere un finanziamento da una banca, che possa consentirgli di avviare la propria attività imprenditoriale. Da qui l’idea di far conoscere e supportare la nascita dei c.d. Fondi Diocesani di Garanzia per il Microcredito, strumenti in grado di consentire ai giovani, che non possiedono garanzie proprie, di fare ricorso al prestito bancario per realizzare il proprio progetto lavorativo.

In concreto è stato rilevato, statistiche alla mano, che in quelle diocesi che si sono munite di un proprio fondo di garanzia per il microcredito, il numero delle imprese giovanili create ha avuto un decisivo incremento.

Negli ultimi anni si sono aggiunte altre possibilità e nuovi strumenti, soprattutto per sostenere anche quelle Diocesi prive di un proprio Fondo di Garanzia.

Cliccando sui singoli strumenti è possibile approfondirne i contenuti:

Perché proprio il “microcredito”?

Il microcredito è uno strumento di sviluppo economico che permette alla persona in situazione di povertà, di accedere a quei servizi finanziari che, normalmente, le sarebbero negati.

Il microcredito non è beneficenza/assistenza, ma un’attività creditizia che, insieme all’accompagnamento personalizzato dei fruitori, punta a stimolare l’autonomia, la responsabilità, le capacità e i talenti di chi riceve il finanziamento, mettendolo nella condizione di poter realizzare il proprio progetto di vita.

A chi si rivolge?

L’iniziativa si rivolge ai giovani con età compresa tra i 18 e i 35 anni ed è finalizzata alla creazione di imprese giovanili attraverso il percorso di accompagnamento del Progetto Policoro. Il fondo di Garanzia, in genere, è frutto di una convenzione tra ciascuna Diocesi e una Banca nazionale o del territorio.

L’elemento pastorale e fiduciario

Alla base del percorso del microcredito per il Progetto Policoro c’è, e non può essere diversamente, la nostra fede, il Vangelo che salva e dona fiducia e speranza, l’attenzione alla persona che viene prima del profitto, l’etica a fondamento dell’economia, il rapporto fiduciario fondato sulla gratuità e il dono di sé.

Attraverso il progetto la Chiesa incontra, sostiene e accompagna i giovani, in uno dei problemi concreti della loro vita quotidiana: il lavoro. I giovani aiutati in questi anni, hanno sperimentato la fiducia di una Chiesa vicina e compagna di strada, non solo a parole. Spesso sono giovani “lontani” dalla Chiesa e che hanno riscoperto la speranza viva che viene dal Vangelo.

Le collaborazioni tra Diocesi e Banche del territorio

Un passaggio importante è stato quello di fornire alle diocesi un accordo-quadro e una modulistica, approvati a livello nazionale, per semplificare tempi e procedure.

Dalla collaborazione tra il Progetto Policoro, la Fondazione Don Mario Operti, Banca Etica e BCC, è nata l’idea già dal 2013, di proporre a ciascuna delle Diocesi che aderiscono al Progetto Policoro, la possibilità di usufruire di un modello di convenzione-quadro applicabile in maniera uniforme (con le stesse condizioni, tassi d’interesse, ecc.) a tutte le Diocesi aderenti all’iniziativa.

Al fine di favorire l’accesso al credito dei beneficiari, la Diocesi ha il compito di istituire un Fondo di Garanzia, attraverso il deposito di una somma (il cui ammontare è a discrezione della singola Diocesi) in un conto vincolato, presso la filiale della Banca convenzionata più vicina nel territorio.

Formazione e supporto tecnico

Lo staff microcredito del Progetto Policoro ha fornito a ciascuna Diocesi che ne ha fatto richiesta, tutta la modulistica, il supporto informativo, tecnico e formativo, per l’attivazione della Convenzione e per la formazione degli operatori diocesani incaricati del servizio di accompagnamento-tutoraggio e valutazione.

In questi anni lo staff microcredito ha organizzato diversi momenti formativi, sia all’interno dei “Corsi di formazione nazionale” organizzati dalla Segreteria Nazionale del Progetto Policoro, sia a livello locale. Particolare rilievo ha avuto l’organizzazione di una “summer school”, tenutasi a Roma nel 2012, occasione per sperimentare una formazione intensiva ed esperienziale, sui temi della finanza etica e del microcredito. Dall’anno scorso si sta sperimentando anche una formazione e-learning mediante webinar.

Situazione attuale e sintesi dei risultati raggiunti

  • 506 imprese finanziate;
  • 737 persone occupate;
  • € 604.692,00 è il totale dei Fondi di Garanzia messi a disposizione. 

L’attenzione dei mass media

In questi anni, gli incoraggianti risultati raggiunti dalle varie esperienze di microcredito diocesano, nell’ambito del Progetto Policoro, sono stati oggetto dell’attenzione mediatica a diversi livelli. All’argomento sono state dedicate ben 2 puntate della trasmissione “A sua Immagine” di Rai 1, due speciali su TV 2000, una trasmissione su Radio InBlu e diversi articoli su Avvenire e sulla stampa locale.