Home » News per argomenti » News dalle Diocesi » A Termoli Larino, #rischiolalibertà  

A Termoli Larino, #rischiolalibertà    versione testuale







Otto incontri dedicati a giovani amministratori e attori di sviluppo locale per approfondire la dottrina sociale della Chiesa e capire come attuarne i principi sul territorio. È #RischioLaLibertà, il percorso di formazione promosso dal Progetto Policoro della diocesi di Termoli-Larino in collaborazione con Anci Molise. Si tratta di una “sfida che desideriamo cogliere e che, partendo proprio dalle parole di Papa Francesco, ci sprona a metterci in gioco in un'ottica sinodale. Essere liberi è una sfida, una sfida permanente: affascina, avvince, dà coraggio, fa sognare, crea speranza, investe sul bene, crede nel futuro”, spiegano i promotori dell’iniziativa che ha preso il via il 18 febbraio, nella Biblioteca diocesana di Larino, e proseguirà fino al 17 maggio. “Rischiare la propria libertà mettendosi in gioco per il bene comune – spiegano – è la sfida che lancia questo corso, per dirla con una metafora sarà come 'scalare una montagna', e come in ogni scalata è importante che ognuno faccia la sua parte ma uniti da una sola corda, verso un’unica meta”.
Sostenuto e incoraggiato dal vescovo Gianfranco De Luca, il percorso prevede otto appuntamenti, in programma dalle 19 alle 20: cinque saranno tenuti da don Marcello Paradiso, teologo e vicario generale della diocesi, e saranno caratterizzati da momenti di ascolto, di condivisione, di conoscenza anche per facilitare lo scambio di buone pratiche amministrative volte a ripensare il territorio. Se il 1 marzo si è parlato di relazioni generative con Giuseppe Savino, il creatore di Vazapp (hub rurale con giovani agricoltori), il 24 aprile sarà Stefano Zamagni, docente di Economia politica all'Università di Bologna, ad offrire indicazioni concrete di economia sociale partendo dai principi della dottrina sociale della Chiesa, e il 4 maggio Gigi De Palo, presidente del Forum Nazionale delle Associazioni Familiari, si soffermerà sull'importanza di mettersi in gioco impegnandosi in politica.
Questi ultimi due appuntamenti vedranno, come è accaduto il 1 marzo, il coinvolgimento dei giovani della Don Luigi M.Aster Band che accompagnerà i momenti di formazione con brani ispirati ai temi affrontati, mentre la cura della location è affidata a Pietrangolare, associazione che ha come obiettivo la valorizzazione e la promozione dei beni culturali della diocesi.
 
 
Segnalazione: MariaGiovanna Giorgetta
 
Condividi su   Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie