Home » News per argomenti » News dalle Diocesi » Gemellaggi solidali nell'Eparchia di Lungro 

Gemellaggi solidali nell'Eparchia di Lungro   versione testuale








L'estate, per i ragazzi, è il tempo più sospirato e desiderato di tutto l'anno: ci si può esprimere liberamente, all'aria aperta, magari insieme agli amici, senza pensare a compiti scadenze, lezioni. L'estate-ragazzi rappresenta un'occasione affinchè il piacere nello stare insieme ai propri coetanei a giocare diventi un momento di crescita personale, un modo per scoprire e approfondire i rapporti umani.
 
In linea con il tema della giornata diocesana della Gioventù “Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente” (LC 1,49), la parrocchia Santa Maria Assunta di Civita ha ideato e realizzato un itinerario educativo e formativo attraverso le “Grandi Cose” del creato, viste come risorse, occasioni sociali e luoghi di incontro e confronto in cui, anche attraverso attività ludiche e artistico-espressive, poter esprimere la propria individualità e trovare risposte alle innumerevoli forme dell'essere giovani nel mondo contemporaneo.
 
“Cose” che assaporiamo, osserviamo, scopriamo, condividiamo, immortaliamo... Cose che ci appartengono, ambienti che ci accolgono e ci fanno crescere, realizzare e vivere in armonia gli uni gli altri; cose che ci stupiscono e ci meravigliano perchè in essi riconosciamo la grandezza di Dio.
Un'esperienza ricca e significativa di incontro e scambio con altre realtà ecclesiali anche per Lydia Simoni e Karmela Amairoli di Atene e Tinos, gemellate con la nostra eparchia, in rappresentanza del progetto internazionale “Gemellaggi Solidali” di Caritas Italiana e l'Ufficio Nazionale per la Pastorale Sociale della Famiglia della CEI.
Gemellaggi Solidali è un progetto che, nel difficile contesto socio-economico della Grecia in cui la comunità cattolica ha sperimentato la durezza di essere quasi una “chiesa straniera”, vuole dare vita a nuove esperienze di fraternità e condivisione per “andare oltre la crisi”.
 
Gemellaggi che si costruiscono su azioni solidali diverse, tra cui formazione volontari e operatori sociali, partecipazione a campi di volontariato, animazione di reti familiari, attivazione di borse di studio e borse lavoro; azioni, dunque, di intervento locale attraverso le quali promuovere l’incontro solidale tra comunità cristiane, gruppi giovanili e famiglie italiane e greche per tentare di dare risposte concrete ai bisogni più urgenti che emergono.
Le ragazze greche, supportate dall'AdC del Progetto Policoro, hanno potuto constatare come all'interno delle tappe di un grest estivo, è l'animazione pastorale l'approccio che dà voce al corpo e alle emozioni, innescando quelle dinamiche e quei processi comunicativi che, poi, si esprimono attraverso l'esperienza di gruppo e fanno nascere relazioni spontanee tra bambini e adulti, secondo le metodologie della pedagogia attiva che, a prescindere da qualsiasi tema specifico possa trattare, accompagna tutti, indistintamente, alla riscoperta della “bellezza dei desideri e delle speranze” che abitano nei nostri cuori.
Una frase di Padre Lorenzo Montecalvi recita: “Le opere del Signore hanno un inizio sempre insignificante davanti agli occhi del mondo, ma la pianticella diventerà un grande albero carico di frutti, che daranno semi per far germogliare altre piante”. NOI STESSI siamo, per primi, una “Grande Cosa”, in quanto pensati e progettati da Dio a sua immagine e somiglianza prima della creazione del mondo, con l'opportunità di vivere, gioire, muoverci e agire tra le Sue grandi cose, facendoci esclamare senza esitazione: “Signore, quanto è bello per me stare qui”!
 
Maria Antonietta Manna
AdC Diocesi di Lungro
 
Condividi su   Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie